ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
BLOG

Quando Correre Salva L'Ambiente: il Plogging. 23/03/2018
Quando Correre Salva L'Ambiente: il Plogging.

Cosa succede quando si combina la corsa con la raccolta dei rifiuti? Facile, il plogging!

È l’ultima tendenza che sta spopolando in Svezia e rapidamente si sta diffondendo in tutta Europa.

“Plocka upp”, ovvero
raccogliere in svedese, e “jogging” si fondono nel plogging, l’attività che non solo permette di mantenersi in forma, ma anche di salvare il pianeta allo stesso tempo.

Se pensavate che correre fosse già abbastanza faticoso, provate ad aggiungere continui piegamenti (ovviamente fatti come si deve, piegando le gambe e non la schiena) per afferrare bottigliette, lattine, cartacce e quant’altro si accumula lungo le strade, infilando il tutto in un sacchetto da portarsi dietro che man mano aumenta di volume e di peso.

La moda del plogging è nata nel 2016 in Svezia dove si sa, ci tengono alla pulizia, e nel giro di un anno grazie ai social network e a pagine dedicate è sbarcata fino agli Stati Uniti. Naturalmente oltre a un buon fiato e uno spirito green, sono obbligatori un paio di guanti resistenti; salvare il pianeta sì, proteggere sé stessi anche.

E voi cosa ne pensate? Potrebbe spopolare in Italia? Magari proprio qui a Milano, dove centinaia di runner si incontrano ogni giorno per solcare le vie del Parco Sempione.




23/03/2018
Quando Correre Salva L'Ambiente: il Plogging.

Cosa succede quando si combina la corsa con la raccolta dei rifiuti? Facile, il plogging!

È l’ultima tendenza che sta spopolando in Svezia e rapidamente si sta diffondendo in tutta Europa.

“Plocka upp”, ovvero
raccogliere in svedese, e “jogging” si fondono nel plogging, l’attività che non solo permette di mantenersi in forma, ma anche di salvare il pianeta allo stesso tempo.

Se pensavate che correre fosse già abbastanza faticoso, provate ad aggiungere continui piegamenti (ovviamente fatti come si deve, piegando le gambe e non la schiena) per afferrare bottigliette, lattine, cartacce e quant’altro si accumula lungo le strade, infilando il tutto in un sacchetto da portarsi dietro che man mano aumenta di volume e di peso.

La moda del plogging è nata nel 2016 in Svezia dove si sa, ci tengono alla pulizia, e nel giro di un anno grazie ai social network e a pagine dedicate è sbarcata fino agli Stati Uniti. Naturalmente oltre a un buon fiato e uno spirito green, sono obbligatori un paio di guanti resistenti; salvare il pianeta sì, proteggere sé stessi anche.

E voi cosa ne pensate? Potrebbe spopolare in Italia? Magari proprio qui a Milano, dove centinaia di runner si incontrano ogni giorno per solcare le vie del Parco Sempione.






<